DAILY NEWS

29/01/2017

Ho fatto, organizzato, visto, partecipato a tantissime sfilate nella mia vita.
Dalle prime a Parigi, da giovane studentessa di moda, imboscata ed intrufolata tra cameramen e fotografi, al lavoro dietro le quinte per le innumerevoli sfilate con Romeo Gigli tra Milano e Parigi, alle sfilate in giro per il mondo, Mosca, New York, Tokyo, ai lunghi e straordinari anni di sfilate organizzate e create per Maliparmi.
E da 3 anni le sfilate estemporanee per la Moda Liberata di Raptus and Rose.
Quindi di acqua sotto i ponti ne ho vista passare tanta, e una parte del mio libro sognato potrebbe essere solo riempita dai racconti incredibili che ho vissuto dietro le quinte...
Conosco le sfilate come la pasta al pomodoro, i tramonti sul mare e la panna montata.
Ne so decifrare tutti i codici, leggere tutti i dettagli, conoscere tutti gli aspetti.
Sono (quasi) senza segreti per me.
è quindi con una profonda e consapevole cognizione di causa che vi racconto una cosa di cui non ho ancora parlato della Sfilata a Palazzo di giovedì sera.
La Perfetta e Meravigliosa Organizzazione.
Si, perché io sono una perfezionista al limite della nevrosi, chi lavora con me sa, sono croci e delizie quotidiane, non mollo mai e controllo i dettagli 17464567 volte... quindi quando ho accettato l'invito dell'Associazione Oncologica San Bassiano-Onlus a fare una sfilata di Moda Liberata, 6 mesi fa, ho immediatamente messo in chiaro una serie di cose indispensabili per la buona riuscita del progetto e stilato un elenco di richieste che avrebbero fatto impallidire il miglior organizzatore di eventi del mondo.
Loro, nella fattispecie Dina, la divina vicepresidente ed Elena, la soave psicologa, aiutate da Michela preziosa collaboratrice, neanche una piega.
Mentre io per ore raccontavo e stilavo elenchi che per loro erano certamente complessi e sconosciuti quanto lo è per me l'astrofisica, non hanno fatto una piega, alzato un sopracciglio.
Hanno ascoltato, preso appunti, e chiesto solo ogni tanto una delucidazione.
E poi sono partite.
Una vera macchina da guerra.
Ora che tutto è finito, che tutto è successo, posso dirvi che sono rimasta senza parole per la perfezione assoluta dell'organizzazione, per la caparbietà con cui hanno trovato tutto, ma proprio tutto quello che avevo chiesto.
Non una sbavatura, non uno sbaglio.
Ho partecipato a sfilate organizzate da società specializzate che valevano un decimo di quella di giovedì.
Le indomite Donne sono riuscite a trovare, con la forza della volontà e della visione tutto ma proprio tutto tutto.
Dagli infiniti ed illustri sponsor, al palazzo perfetto, perfettamente riscaldato e perfettamente pulito, alle 350 trasparenti sedie di Starck, ai tappeti persiani per la passerella, ai fantastici tecnici per le musiche e le luci, al cibo e al vino buonissimo, alle collaborazioni più gentili e professionali fino a riuscire ad avere il Sindaco sorridente e coinvolto, seduto in prima fila, e 4 assessore comunali e regionali che sfilavano mescolate alle molte pazienti ed oncologhe, volontarie e sostenitrici, in un mix di commoventi diversità che si sono azzerate durante la sfilata.
Una macchina perfetta.
Un'organizzazione sorprendente.
Nulla lasciato al caso, perfino i dettagli più piccoli, dal prosecco che il mitico Presidente distribuiva alle modelle per un giorno, durante il lungo pomeriggio, alle cose da mangiare buonissime sempre pronte per tutte.
E così per me lavorare ed organizzare la sfilata nei suoi aspetti tecnico/estetici è stata una passeggiata, grazie anche al lavoro straordinario ed appassionato del mio R&R Team!
Che dire.
Sono una donna fortunata, incontro lungo il mio cammino, concentrata sugli obiettivi del mio progetto, persone incredibili, generose e straordinarie.
Forse la verità è davvero una sola.
Bellezza chiama bellezza ed amore chiama amore, ed io ve lo assicuro perché capita davvero poche volte nella vita, ma giovedì quel Palazzo era un unico grande respiro d'amore, un soffio di Bellezza perfetta che cristallizzato in una sera magica non potremo mai dimenticare.



Ho fatto, organizzato, visto, partecipato a tantissime sfilate nella mia vita.
Dalle prime a Parigi, da giovane studentessa di moda, imboscata ed intrufolata tra cameramen e fotografi, al lavoro dietro le quinte per le innumerevoli sfilate con Romeo Gigli tra Milano e Parigi, alle sfilate in giro per il mondo, Mosca, New York, Tokyo, ai lunghi e straordinari anni di sfilate organizzate e create per Maliparmi.
E da 3 anni le sfilate estemporanee per la Moda Liberata di Raptus and Rose.
Quindi di acqua sotto i ponti ne ho vista passare tanta, e una parte del mio libro sognato potrebbe essere solo riempita dai racconti incredibili che ho vissuto dietro le quinte...
Conosco le sfilate come la pasta al pomodoro, i tramonti sul mare e la panna montata.
Ne so decifrare tutti i codici, leggere tutti i dettagli, conoscere tutti gli aspetti.
Sono (quasi) senza segreti per me.
è quindi con una profonda e consapevole cognizione di causa che vi racconto una cosa di cui non ho ancora parlato della Sfilata a Palazzo di giovedì sera.
La Perfetta e Meravigliosa Organizzazione.
Si, perché io sono una perfezionista al limite della nevrosi, chi lavora con me sa, sono croci e delizie quotidiane, non mollo mai e controllo i dettagli 17464567 volte... quindi quando ho accettato l'invito dell'Associazione Oncologica San Bassiano-Onlus a fare una sfilata di Moda Liberata, 6 mesi fa, ho immediatamente messo in chiaro una serie di cose indispensabili per la buona riuscita del progetto e stilato un elenco di richieste che avrebbero fatto impallidire il miglior organizzatore di eventi del mondo.
Loro, nella fattispecie Dina, la divina vicepresidente ed Elena, la soave psicologa, aiutate da Michela preziosa collaboratrice, neanche una piega.
Mentre io per ore raccontavo e stilavo elenchi che per loro erano certamente complessi e sconosciuti quanto lo è per me l'astrofisica, non hanno fatto una piega, alzato un sopracciglio.
Hanno ascoltato, preso appunti, e chiesto solo ogni tanto una delucidazione.
E poi sono partite.
Una vera macchina da guerra.
Ora che tutto è finito, che tutto è successo, posso dirvi che sono rimasta senza parole per la perfezione assoluta dell'organizzazione, per la caparbietà con cui hanno trovato tutto, ma proprio tutto quello che avevo chiesto.
Non una sbavatura, non uno sbaglio.
Ho partecipato a sfilate organizzate da società specializzate che valevano un decimo di quella di giovedì.
Le indomite Donne sono riuscite a trovare, con la forza della volontà e della visione tutto ma proprio tutto tutto.
Dagli infiniti ed illustri sponsor, al palazzo perfetto, perfettamente riscaldato e perfettamente pulito, alle 350 trasparenti sedie di Starck, ai tappeti persiani per la passerella, ai fantastici tecnici per le musiche e le luci, al cibo e al vino buonissimo, alle collaborazioni più gentili e professionali fino a riuscire ad avere il Sindaco sorridente e coinvolto, seduto in prima fila, e 4 assessore comunali e regionali che sfilavano mescolate alle molte pazienti ed oncologhe, volontarie e sostenitrici, in un mix di commoventi diversità che si sono azzerate durante la sfilata.
Una macchina perfetta.
Un'organizzazione sorprendente.
Nulla lasciato al caso, perfino i dettagli più piccoli, dal prosecco che il mitico Presidente distribuiva alle modelle per un giorno, durante il lungo pomeriggio, alle cose da mangiare buonissime sempre pronte per tutte.
E così per me lavorare ed organizzare la sfilata nei suoi aspetti tecnico/estetici è stata una passeggiata, grazie anche al lavoro straordinario ed appassionato del mio R&R Team!
Che dire.
Sono una donna fortunata, incontro lungo il mio cammino, concentrata sugli obiettivi del mio progetto, persone incredibili, generose e straordinarie.
Forse la verità è davvero una sola.
Bellezza chiama bellezza ed amore chiama amore, ed io ve lo assicuro perché capita davvero poche volte nella vita, ma giovedì quel Palazzo era un unico grande respiro d'amore, un soffio di Bellezza perfetta che cristallizzato in una sera magica non potremo mai dimenticare.



FILOSOFIAvideoGALLERYDAILYNEWScontattiRaptusizzati DIVINESHOPAtelieREventi

© DIVINE ROSE SRL 2007-2019INFORMATIVA PRIVACY
P.IVA 01175420254 CREDITS

© DIVINE ROSE SRL 2007-2019INFORMATIVA PRIVACY P.IVA 01175420254 CREDITS