DAILY NEWS

22/09/2018

La giornata fuori è grigia, leggermente immobile, autunnale.
Guardo le mie foto e salta fuori lei.
Ero in Nepal, a Kathmandu.
Alla fine di un lungo giorno di ricerca, dove ho girato senza sosta alla ricerca di bellezza ma sopratutto di qualità.
Queste sono pashmine ricamate, di una bellezza senza eguali.
Non sono molte, ma sono straordinarie.
Sono il frutto di ore ed ore di scelte, visite a negozi, nel caldo e nel rumore, nel traffico frastornante e sopratutto frutto di una scelta accurata, selezionata, difficile.
Sono poche.
Avrei potuto sceglierne molte di più, ma detesto accontentarmi.
Ho scelto dedicando tempo, pazienza e rinunce, solo le più belle, le più poetiche, le più giuste per i Pezzi Unici di R&R.
Da un viaggio a migliaia di chilometri dall'Italia non torno con migliaia di cose.
Torno solo con quello che mi colpisce il cuore, con quello che trovo più giusto e più prezioso.
E rinuncio, anche se con fatica a cose che potrebbero forse essere interessanti ma non lo sono davvero.
Non per me, non per il mio progetto.
Si chiama coerenza, o focus e ha a che fare con molti no e pochi si.
Ed è una metafora perfetta.
Perché non bisogna accontentarsi, ma bisogna imparare a scegliere, anche se costa fatica e se alla fine ciò che hai in mano non è molto, ma è prezioso, giusto per te.
Perché per fare questo lavoro, non basta avere buon gusto, ci vuole esperienza, conoscenza, metodo.
Perché per fare vestiti belli, che stiano davvero bene addosso a tutte le donne ci vuole professionalità estrema e anni di studio, di lavoro, di prove sul campo.
Vedo in questo periodo un proliferare di vestiti mediocri, mal fatti, mal cuciti.
E soffro perché il mondo è già pieno di cose, gli armadi straboccanti e non serve davvero aggiungere.
Serve produrre bene, poco, e di altissima qualità.
Meglio un solo pezzo, un po' più caro certo perché contiene dentro di se lavoro, passione e sopratutto conoscenza, che mille cose mal fatte.
Impariamo a conoscere la bellezza, a distinguerla, a promuoverla.
A diffonderla.
A riconoscere il valore dell'esperienza, dello studio approfondito.
La superficialità non ci serve, lasciamola andare.



La giornata fuori è grigia, leggermente immobile, autunnale.
Guardo le mie foto e salta fuori lei.
Ero in Nepal, a Kathmandu.
Alla fine di un lungo giorno di ricerca, dove ho girato senza sosta alla ricerca di bellezza ma sopratutto di qualità.
Queste sono pashmine ricamate, di una bellezza senza eguali.
Non sono molte, ma sono straordinarie.
Sono il frutto di ore ed ore di scelte, visite a negozi, nel caldo e nel rumore, nel traffico frastornante e sopratutto frutto di una scelta accurata, selezionata, difficile.
Sono poche.
Avrei potuto sceglierne molte di più, ma detesto accontentarmi.
Ho scelto dedicando tempo, pazienza e rinunce, solo le più belle, le più poetiche, le più giuste per i Pezzi Unici di R&R.
Da un viaggio a migliaia di chilometri dall'Italia non torno con migliaia di cose.
Torno solo con quello che mi colpisce il cuore, con quello che trovo più giusto e più prezioso.
E rinuncio, anche se con fatica a cose che potrebbero forse essere interessanti ma non lo sono davvero.
Non per me, non per il mio progetto.
Si chiama coerenza, o focus e ha a che fare con molti no e pochi si.
Ed è una metafora perfetta.
Perché non bisogna accontentarsi, ma bisogna imparare a scegliere, anche se costa fatica e se alla fine ciò che hai in mano non è molto, ma è prezioso, giusto per te.
Perché per fare questo lavoro, non basta avere buon gusto, ci vuole esperienza, conoscenza, metodo.
Perché per fare vestiti belli, che stiano davvero bene addosso a tutte le donne ci vuole professionalità estrema e anni di studio, di lavoro, di prove sul campo.
Vedo in questo periodo un proliferare di vestiti mediocri, mal fatti, mal cuciti.
E soffro perché il mondo è già pieno di cose, gli armadi straboccanti e non serve davvero aggiungere.
Serve produrre bene, poco, e di altissima qualità.
Meglio un solo pezzo, un po' più caro certo perché contiene dentro di se lavoro, passione e sopratutto conoscenza, che mille cose mal fatte.
Impariamo a conoscere la bellezza, a distinguerla, a promuoverla.
A diffonderla.
A riconoscere il valore dell'esperienza, dello studio approfondito.
La superficialità non ci serve, lasciamola andare.



FILOSOFIAvideoGALLERYDAILYNEWScontattiRaptusizzati DIVINESHOPAtelieREventi

© DIVINE ROSE SRL 2007-2019INFORMATIVA PRIVACY
P.IVA 01175420254 CREDITS

© DIVINE ROSE SRL 2007-2019INFORMATIVA PRIVACY P.IVA 01175420254 CREDITS