DAILY NEWS

02/06/2017

Lui si chiama the Long Drama Coat.
Lo infili e diventa la tua astronave per la rappresentazione, il tuo biglietto per il Drama.
A me è successo.
Ibiza, qualche giorno fa.
Risvegli lenti, colazioni lente, lente nuotate e lentissime ore immersa nel nulla.
Qualche giorno di riposo Ibizenco senza impegni organizzati.
Un solo e unico appuntamento importante, il martedì alle 1430.
Ovviamente languida e sciolta in quei giorni di lentezza me ne dimentico.
Poi di colpo.
In sottoveste che è poi la mia camicia da notte e a piedi nudi realizzo con orrore che sono ora le 1430.
Del martedì.
Sarà che Ibiza è scorpionica, sarà che io sono scorpione, sarà che di piccoli e furiosi attimi drammatici è costellata la mia vita, ma inizio ad urlare sbattendo porte che aiutate dal vento producono boati.
Urlo alle mie povere ed ignare Raptus Girls con cui ho diviso le meraviglie d'Ibiza, che io sono in ritardassimo e che sarei uscita all'istante.
Correndo e urlando, urlando e correndo, perché è come quando ti svegli di colpo e realizzi che non è suonata la sveglia...dal sonno letargico passi di colpo alla velocità adrenalinica, senza passaggi intermedi.
Per contenere il ritardo mostruoso con cui sarei arrivata al mio appuntamento, infilo sulla camicia da notte il Drama Coat, lego intorno ai capelli un foulard e mi catapulto in macchina in un nano secondo, ottenendo la prestazione con il minor tempo di preparazione e vestizione della mia vita.
Mentre sgommo, si infila in macchina Francesca saltandoci dentro al volo.
Partiamo in una nuvola di polvere.
Erano le 1440 e forse c'è l'avremmo fatta.

(Nella foto io e il mio Drama Coat seduti affranti ma felici, subito dopo l'appuntamento a cui siamo arrivate con soli 20 minuti di ritardo, che è andato benissimo nonostante la camicia da notte, il sudore copioso che scendeva sulla mia schiena ed il ritardo imperdonabile)



Lui si chiama the Long Drama Coat.
Lo infili e diventa la tua astronave per la rappresentazione, il tuo biglietto per il Drama.
A me è successo.
Ibiza, qualche giorno fa.
Risvegli lenti, colazioni lente, lente nuotate e lentissime ore immersa nel nulla.
Qualche giorno di riposo Ibizenco senza impegni organizzati.
Un solo e unico appuntamento importante, il martedì alle 1430.
Ovviamente languida e sciolta in quei giorni di lentezza me ne dimentico.
Poi di colpo.
In sottoveste che è poi la mia camicia da notte e a piedi nudi realizzo con orrore che sono ora le 1430.
Del martedì.
Sarà che Ibiza è scorpionica, sarà che io sono scorpione, sarà che di piccoli e furiosi attimi drammatici è costellata la mia vita, ma inizio ad urlare sbattendo porte che aiutate dal vento producono boati.
Urlo alle mie povere ed ignare Raptus Girls con cui ho diviso le meraviglie d'Ibiza, che io sono in ritardassimo e che sarei uscita all'istante.
Correndo e urlando, urlando e correndo, perché è come quando ti svegli di colpo e realizzi che non è suonata la sveglia...dal sonno letargico passi di colpo alla velocità adrenalinica, senza passaggi intermedi.
Per contenere il ritardo mostruoso con cui sarei arrivata al mio appuntamento, infilo sulla camicia da notte il Drama Coat, lego intorno ai capelli un foulard e mi catapulto in macchina in un nano secondo, ottenendo la prestazione con il minor tempo di preparazione e vestizione della mia vita.
Mentre sgommo, si infila in macchina Francesca saltandoci dentro al volo.
Partiamo in una nuvola di polvere.
Erano le 1440 e forse c'è l'avremmo fatta.

(Nella foto io e il mio Drama Coat seduti affranti ma felici, subito dopo l'appuntamento a cui siamo arrivate con soli 20 minuti di ritardo, che è andato benissimo nonostante la camicia da notte, il sudore copioso che scendeva sulla mia schiena ed il ritardo imperdonabile)



PHILOSOPHYvideosGALLERYDAILYNEWScontacts DIVINE SHOPAtelieREvents

© DIVINE ROSE SRL 2007-2018Policy Privacy
P.IVA 01175420254 CREDITS

© DIVINE ROSE SRL 2007-2018Policy Privacy P.IVA 01175420254 CREDITS