DAILY NEWS

28/02/2017

Londra day5 -delle stanze d'albergo-

Che io sia pazza d'amore per gli alberghi ormai si sa.
Mi piace stare in albergo.
E divinamente da sola perché diventa un momento quasi mistico, metafisico, meditativo.
Sto nel silenzio della mia camera e penso, leggo, scrivo.
E ci sto meravigliosamente.
Sopratutto dopo i 3 giorni, amati, ma rumorosissimi passati con i miei figli, qui a Londra, in una casa appollaiata sui tetti, tra colazioni infinite, film visti sul computer a letto e calzetti sparsi ovunque.
Loro ora sono ripartiti ed io sono rimasta qui e quindi mi sono scelta con cura l'albergo.
Shoreditch.
Albergo di inizio 700.
Camino acceso e muri azzurro polvere.
Inglese
Inglesissimo
Ingleserrimo.
Ovvero perfetto.
Ma non ero assolutamente preparata ad entrare nella stanza più piccola che io abbia mai visto in tutta la mia vita.
Lo so, a Londra le stanze sono spesso piccole ma questa è minuscola, microscopica, un bonsai di stanza.
Già il nome la racconta perfettamente...
The Box Room
è bellissima intendiamoci, una riproduzione perfetta di quella che deve essere stata una stanza agli inizi del 1700, ma davvero minuscola, miniaturizzata.
Come una cuccetta di wagon-lit.
Letto francese, addossato alla parete sotto ad una piccola finestrella affacciata sui contrasti di Shoreditch, tra grattacieli d'acciaio e casette settecentesche di mattoni bruniti.
Un lavandino in camera, un microscrittoio, e un piccolissimo bagnetto dove farsi la doccia diventa balletto acrobatico.
Però perfetta in tutti i suoi dettagli, così cuccetta di treno che aspetti il fischio del capotreno alla stazione.
Ecco, dopo il primo attimo di smarrimento perché mi ha colta davvero impreparata, me ne sono innamorata.
E così passerò le prossime due notti, tra atmosfere da Orient Express in questo microluogo dove tutto però ha già trovato la sua collocazione, compreso il mio nuovo European Kimono molto Pink, prototipo di una nuova Edizione Limitata e che oggi uscirà con me in giro per Londra insieme al mio desiderio smodato di rosa.
-continua-



Londra day5 -delle stanze d'albergo-

Che io sia pazza d'amore per gli alberghi ormai si sa.
Mi piace stare in albergo.
E divinamente da sola perché diventa un momento quasi mistico, metafisico, meditativo.
Sto nel silenzio della mia camera e penso, leggo, scrivo.
E ci sto meravigliosamente.
Sopratutto dopo i 3 giorni, amati, ma rumorosissimi passati con i miei figli, qui a Londra, in una casa appollaiata sui tetti, tra colazioni infinite, film visti sul computer a letto e calzetti sparsi ovunque.
Loro ora sono ripartiti ed io sono rimasta qui e quindi mi sono scelta con cura l'albergo.
Shoreditch.
Albergo di inizio 700.
Camino acceso e muri azzurro polvere.
Inglese
Inglesissimo
Ingleserrimo.
Ovvero perfetto.
Ma non ero assolutamente preparata ad entrare nella stanza più piccola che io abbia mai visto in tutta la mia vita.
Lo so, a Londra le stanze sono spesso piccole ma questa è minuscola, microscopica, un bonsai di stanza.
Già il nome la racconta perfettamente...
The Box Room
è bellissima intendiamoci, una riproduzione perfetta di quella che deve essere stata una stanza agli inizi del 1700, ma davvero minuscola, miniaturizzata.
Come una cuccetta di wagon-lit.
Letto francese, addossato alla parete sotto ad una piccola finestrella affacciata sui contrasti di Shoreditch, tra grattacieli d'acciaio e casette settecentesche di mattoni bruniti.
Un lavandino in camera, un microscrittoio, e un piccolissimo bagnetto dove farsi la doccia diventa balletto acrobatico.
Però perfetta in tutti i suoi dettagli, così cuccetta di treno che aspetti il fischio del capotreno alla stazione.
Ecco, dopo il primo attimo di smarrimento perché mi ha colta davvero impreparata, me ne sono innamorata.
E così passerò le prossime due notti, tra atmosfere da Orient Express in questo microluogo dove tutto però ha già trovato la sua collocazione, compreso il mio nuovo European Kimono molto Pink, prototipo di una nuova Edizione Limitata e che oggi uscirà con me in giro per Londra insieme al mio desiderio smodato di rosa.
-continua-



PHILOSOPHYvideosGALLERYDAILYNEWScontacts DIVINE SHOPAtelieREvents

© DIVINE ROSE SRL 2007-2018Policy Privacy
P.IVA 01175420254 CREDITS

© DIVINE ROSE SRL 2007-2018Policy Privacy P.IVA 01175420254 CREDITS