DAILY NEWS

27/07/2016

O della infinita forza delle donne

Lei è la Dea Cretese dei Serpenti
Di lei mi colpisce tutto.
Lo sguardo fiero, dritto a sé, deciso di chi possiede la conoscenza.
L'energia con cui tiene in pugno i due serpenti, simbolo di femminilità
Il coraggio di quel seno bianco esibito con fierezza
L'eleganza della gonna lunga, bellissima, a balze decorate divinamente.
E'stata donna nell'era Minoica tra il 1500 ed il 1600 a.C. quando le donne venivano venerate e rispettate.
Mi piace pazzamente.
Mi ha colpito qualche anno fa al palazzo di Cnosso a Creta.
Ed è rimasta a galleggiare nel mio immaginario sulle donne.
Poi in questi giorni greci mi è stata regalata questa piccola copia perché io non mi dimentichi mai cosa amo davvero delle donne.
Delle donne mi piace l'infinita femminilità che trasborda ogni tanto e diventa frivolezza leggera, ma sempre mescolata a quella forza d'acciaio, a quella energia di diamante che tutte indistintamente sappiamo tirare fuori quando serve.
E gli sbandamenti, gli errori, le discese ardite e gli stop forzati sono nulla di fronte alla forza delle donne.
mi piace pensare che come la Dea di Cnosso tutte noi possiamo essere credibili e forti, femminili ed audaci anche attraverso i vestiti che indossiamo perché come per lei possono se serve, diventare bandiera e manifesto della nostra natura e della nostra fierissima forza.
(Nella foto la mia amata long Liquid nude sottoveste che metterò stasera insieme al fiore nei capelli e alla head band luccicante per andare a mangiare pesciolini e a bere ouzo qui ad Anafi)
-continua-



O della infinita forza delle donne

Lei è la Dea Cretese dei Serpenti
Di lei mi colpisce tutto.
Lo sguardo fiero, dritto a sé, deciso di chi possiede la conoscenza.
L'energia con cui tiene in pugno i due serpenti, simbolo di femminilità
Il coraggio di quel seno bianco esibito con fierezza
L'eleganza della gonna lunga, bellissima, a balze decorate divinamente.
E'stata donna nell'era Minoica tra il 1500 ed il 1600 a.C. quando le donne venivano venerate e rispettate.
Mi piace pazzamente.
Mi ha colpito qualche anno fa al palazzo di Cnosso a Creta.
Ed è rimasta a galleggiare nel mio immaginario sulle donne.
Poi in questi giorni greci mi è stata regalata questa piccola copia perché io non mi dimentichi mai cosa amo davvero delle donne.
Delle donne mi piace l'infinita femminilità che trasborda ogni tanto e diventa frivolezza leggera, ma sempre mescolata a quella forza d'acciaio, a quella energia di diamante che tutte indistintamente sappiamo tirare fuori quando serve.
E gli sbandamenti, gli errori, le discese ardite e gli stop forzati sono nulla di fronte alla forza delle donne.
mi piace pensare che come la Dea di Cnosso tutte noi possiamo essere credibili e forti, femminili ed audaci anche attraverso i vestiti che indossiamo perché come per lei possono se serve, diventare bandiera e manifesto della nostra natura e della nostra fierissima forza.
(Nella foto la mia amata long Liquid nude sottoveste che metterò stasera insieme al fiore nei capelli e alla head band luccicante per andare a mangiare pesciolini e a bere ouzo qui ad Anafi)
-continua-



PHILOSOPHYvideosGALLERYDAILYNEWScontacts DIVINE SHOPAtelieREvents

© DIVINE ROSE SRL 2007-2018Policy Privacy
P.IVA 01175420254 CREDITS

© DIVINE ROSE SRL 2007-2018Policy Privacy P.IVA 01175420254 CREDITS